Consideriamo di fondamentale importanza dialogare costantemente con tutti i nostri stakeholder, favorire partnership e sinergie con organizzazioni internazionali e locali per dare un contributo concreto all’evoluzione verso modelli di sviluppo sostenibile e accelerare i progressi.

Collaborazioni

The Climate Pledge

The Climate Pledge

A settembre del 2019, Amazon e Global Optimism hanno fondato The Climate Pledge (TCP), un patto con cui si impegnano a raggiungere con 10 anni di anticipo gli obiettivi dell'Accordo di Parigi. Ad oggi hanno già aderito al Pledge 53 firmatari di 18 settori e 12 paesi. Tra essi, aziende come Unilever, Verizon, Siemens, Microsoft, IBM e Best Buy e molte altre. Le aziende che aderiscono al Pledge hanno l'opportunità di condividere l'accesso a tecnologie, best practice e innovazioni volte al miglioramento della supply chain, e possono dare vita, in collaborazione con gli altri firmatari, a iniziative comuni dirette ad affrontare le sfide climatiche più critiche.

Il 21 aprile 2021, Amazon e Global Optimism hanno accolto nel Climate Pledge Atlantia, che si è perciò impegnata a raggiungere l’obiettivo delle zero emissioni nette di carbonio entro il 2040, con dieci anni di anticipo rispetto all'obiettivo del 2050 fissato dall'Accordo di Parigi.

I firmatari del Climate Pledge accettano di:

  • Misurare e comunicare periodicamente le emissioni di gas serra.
  • Attuare strategie di decarbonizzazione in linea con l'Accordo di Parigi attraverso cambiamenti e innovazioni aziendali reali, inclusi miglioramenti dell'efficienza, energia rinnovabile, riduzione dei materiali e altre strategie di eliminazione delle emissioni di carbonio.
  • Neutralizzare le emissioni rimanenti con compensazioni aggiuntive, quantificabili, reali, permanenti e socialmente utili per raggiungere zero emissioni annuali nette di carbonio entro il 2040, dieci anni prima dell'obiettivo del 2050 fissato dall'Accordo di Parigi.

 

 

“Il piano di sviluppo strategico di Atlantia punta sull’innovazione tecnologica e sulla sostenibilità come strumenti fondamentali per l'espansione del nostro business. Guardiamo con grande interesse alle nuove forme di mobilità integrata e ai nuovi modelli e servizi logistici resi possibili dalle tecnologie digitali e da un approccio sempre più strategico all’ambiente” ha dichiarato Carlo Bertazzo, CEO di Atlantia. “A questo proposito siamo molto orgogliosi dei risultati raggiunti ad oggi dalla controllata Aeroporti di Roma, gestore dell’aeroporto di Fiumicino, Leonardo Da Vinci, che è stato riconosciuto come eccellenza a livello europeo per le performance in tutte le matrici ambientali: la raccolta differenziata, la produzione di energia, il risparmio e il riuso dell’acqua. Leonardo Da Vinci è anche uno dei pochi aeroporti al mondo con oltre 30 milioni di passeggeri ad aver conseguito standard nell’accreditarsi al sistema di certificazione Airport Carbon Accreditation. Questi risultati sono la testimonianza di quanto sia forte il nostro impegno per contrastare il cambiamento climatico e di quanto siamo focalizzati sullo sviluppo sostenibile dei nostri asset”.

“La politica di sostenibilità di Atlantia è in linea con la strategia di sviluppo sostenibile adottata dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel settembre 2015, che prevede 17 obiettivi da raggiungere entro il 2030, ed è in linea con le indicazioni del Global Compact. Siamo convinti che aderendo al Climate Pledge faremo progressi significativi verso questi obiettivi e nel raggiungere zero emissioni nette di CO2”.

 

 

Per ulteriori informazioni su The Climate Pledge, visita www.theclimatepledge.com.

Scopri di più su:
www.aboutamazon.com/news/sustainability/the-climate-pledge-celebrates-surpassing-100-signatories
www.aboutamazon.it/sostenibilità/il-climate-pledge-supera-i-100-firmatari

 

Global Compact

Global Compact
Dal 2004 aderiamo volontariamente al progetto internazionale “Global Compact”, lanciato nel 1999 dall'allora Segretario Generale delle Nazioni Unite, Kofi Annan, in occasione del World Economic Forum.
L’obiettivo del Global Compact è quello di contribuire alla “creazione di un mercato globale più sostenibile e inclusivo” introducendo al suo interno il rispetto e l’applicazione di 10 principi universali nell'ambito dei diritti umani,  del lavoro, della lotta alla corruzione,  della tutela dell’ambiente.
Atlantia è membro attivo e socio fondatore dal 2015 della Fondazione Global Compact Network Italia che opera come network locale italiano del UNGC.

Indici

Atlantia è presente nei seguenti indici etici:

 
 

FTSE Russell (the trading name of FTSE International Limited and Frank Russell Company) a seguito di un assessment indipendente, ha riconfermato Atlantia negli indici FTSE4GOOD che ha dimostrato di soddisfare i requisiti richiesti. La serie di indici FTSE4Good è progettata per misurare le performance delle aziende rispetto a stringenti criteri ambientali, sociali e di governance (ESG). Gli indici FTSE4Good sono fortemente considerati dal mercato per la creazione e la valutazione di fondi di investimento responsabili e altri prodotti. (www.ftse.com/products/indices/FTSE4Good).

ECPI
Atlantia è presente, inoltre, negli indici etici ECPI Ethical EMU Equity e ECPI Ethical Euro Equity.
CDP
Atlantia aderisce al Carbon Disclosure Project (CDP), la piattaforma globale che ha l’obiettivo di facilitare la comunicazione trasparente dei dati relativi al tema del cambiamento climatico. Carbon Disclosure Project (CDP) è un’organizzazione non-profit indipendente attiva a livello internazionale e detiene il database di informazioni ambientali aziendali più completo al mondo.